SHARE
#DOLCISTORIEDIDONNE DI Elena Galifi

Con la dolcezza, si ottiene tutto!

A volte non è solo una massima, ma è ciò che succede per chi dei dolci ne fa un’arte

Oggi raccontiamo storie di donne, vite scovate dietro chi è in cerca di opportunità di lavoro e, attraverso una qualificante formazione, si mette o si rimette in gioco… E alla fine trova la vita!


Lia, Beatrice,  Benedetta, Claudia

Generazioni a confronto  Donne e storie unite da una passione comune: l’alta pasticceria, e per alcune di loro in particolare il Cake design.

Tre donne, ciascuna delle quali, in modo diverso, ha a che fare con il favoloso mondo dei dolci.

Le abbiamo incontrate al Castello di Santa Severa durante l’evento “Connecting Talents” che ha visto la partecipazione di studenti di 13 Istituti Alberghieri del Lazio in collaborazione con il MIUR.


Claudia Mosca

E’ la responsabileFipgc per la Regione Lazio , ossia  per la Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria.

Era presente per oltre che per illustrare le attività della federazione, soprattutto a promuovere il Two World Championship 2019, ossia il Campionato Mondiale Pasticceria Gelateria Cioccolateria FIPGC 2019.

Il bello di Claudia è che, mentre invita i giovani a partecipare alla competizione internazionale sta realizzando il suo quadro dalle tinte pastello su una torta quadrata. E lo fa con la giusta lentezza, ma anche con dovuta passione. Una passione che, confessa, ha da sempre, che è nata con lei e che è diventata il suo lavoro, ma soprattutto le dà quella felicità che vuole condividere con chiunque lo desideri.

Circa la partecipazione, ci dice, è aperta a tutti i Paesi del mondo. Il Tema del Campionato Mondiale 2019 per tutti i Team sarà “Arte e Tradizione Nazionale”. Il Campionato ha una cadenza biennale, nella prossima edizione si svolgerà presso Host Fiera Milano di Rho. Circa la Federazione ci ricorda che prevedere diverse specializzazioni ed io ho scelto Cake design e sono la responsabile. Il mondo della pasticceria è vasto e non va assolutamente trascurato.

Spesso dopo un buon pranzo, si trascura il dolce e come si dice… dulcis in fundo!


Lia Ciccone

Non tutte le storie sono uguali. Lia siede accanto a Claudia. Ma con un trascorso opposto.

Per esempio lei, fino a quattro anni fa, non aveva mai fatto neppure un ciambellone.

Per 40 anni, ci dice, ha lavorato in banca, fino a raggiungere livelli dirigenziali. Il tempo passava e il lavoro cambiava e non rispecchiava più l’armonia dei tempi andati. Tanto stress e quasi in età di pensione, stava scegliendo di mollare tutto. La riforma Fornero l’ha spinta nell’esercito degli esodati e l’ha costretta alla decisione di chiudere definitivamente con il passato. Un giorno una mia amica mi invita ad una lezione dimostrativa di un’ora su Cake design, alla quale io non avevo nessuna intenzione di andare. Ma non mi pento, …fu amore a prima vista.

Lia da quel momento ha deciso di seguire il corso base di pasticceria all’istituto alberghiero, perché, ci dice, l’istruzione è sempre fondamentale in ogni campo. Poi ha preso contatto con persone e lei ritiene che sia stato determinante l’uso dei social. Finché, ci dice, è approdata alla Federazione, e oggi è la delegata Fipgc della provincia di Latina.

Si può dire che Lia ha reagito dolcemente alle brutture della vita.


Benedetta Serami

Ha 17 anni. Una vita davanti, da costruire tra sogni e speranze, amante dei dolci e della danza.

Allo stand della Fipgc è qui per la Alternanza Scuola Lavoro, in occasione dell’evento “Connecting Talents”, con il suo istituto alberghiero, IPSEOA Vincenzo Gioberti di Roma.

L’anno scorso ha partecipato al Campionato Nazionale Istituti Alberghieri d’Italia e lei, in collaborazione con un compagno di classe, si è aggiudicata il II posto con il dolce “Ottavia”, ossia una rivisitazione della versione classica della torta ricotta e visciole.

Anche quest’anno parteciperà, con una competizione tutta femminile con la collega Beatrice Gaina, di 17 anni, che ama i dolci e lo sport.

Non ci svelano con quale ‘delizia concorreranno’, ma sarà qualcosa di goloso che dovrà rispecchiare il tema di questa edizione: il caffè.

E’ felice che la sua scuola le ha dato sempre delle buone opportunità e contribuirà a decidere per il futuro, sempre nell’ambito della pasticceria.


Davanti a tanta bontà, di prelibatezze, ma anche di donne che, nonostante la fatica e il serio impegno, guardano il mondo con fiducia e speranza, proprio come in un film del 2000 dal titolo Chocolat, del regista Lasse Hallström con Juliette Binoche e Johnny Depp.

Ad un certo punto tutta la loro vita, ma anche dell’intera comunità che le circonda,  sembra prendere un’altra direzione di fronte a tanta disarmante dolcezza.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here