SHARE

Al Teatro il Salotto di Pulcinella tornano tre grandi successi che già negli scorsi mesi sono stati applauditi registrando sold out

In scena per l’ultimo fine settimana di programmazione, il 24 maggio Nando Citarella con ‘A Solo … e un po’ in compagnia’, Lucia Cassini il 25 maggio con ‘Professione Napoletani’ e il 26 maggio, Giulia Maglione con ‘Mal di te’ 


È stata una stagione ricca di soddisfazioni per Vincenzo De Vivo, il direttore artistico del Piccolo Teatro Il Salotto di Pulcinella, lo spazio nel cuore del Rione Monti di Roma, che dallo scorso ottobre ha messo al centro del palcoscenico la bellezza di Napoli e degli artisti che l’hanno da sempre omaggiata.

Il 24 Maggio torna Nando Citarella, con lo spettacolo “A Solo… e un po’ in compagnia”, un viaggio da sud a sud nella Napoli tra classico e tradizione.

Il celebre giullare della scena musicale internazionale sarà affiancato sul palco da Alessandro Patti, al contrabbasso, e Anna Crispino.

Rossini, Paisiello, Donizetti come anche Bovio, Di Giacomo, Rendine e tanti altri affidano alle corde e alla voce il canto d’amore, a cominciare dalle serenate, un genere che i Maestri Musicanti, Citarella e Patti, hanno affrontato con grande autorevolezza già in altre interpretazioni “popolari” di questo progetto speciale tra classico e tradizione. Dita e corde, canto e soffi armonici s’inseguono per ritrovarsi sui legni preziosi, riservando momenti di liricità e di drammaticità ancora sconosciute, sempre più vicine alla potenza espressiva della voce.

Si stabilisce, tra voce e strumenti, una sorta di dialogo fitto e pieno, e il viaggio parte dal Mare Nostrum tra canti di sdegno, di passione, di sfida e d’amore fino ad alcune canzoni che, pur tratte dal repertorio leggero e popolare, sono entrate a far parte della tradizione melodica italiana.


Il 25 Maggio, dopo i numerosi applausi ricevuti nel corso di questa stagione teatrale, torna Lucia Cassini con “Professione Napoletani”.

L’artista, attrice napoletana con una spiccata verve comica, omaggia Dino Verde, drammaturgo, paroliere e scrittore italiano autore di grandi successi come Piove (Ciao Ciao Bambina) e Resta cu’ mme entrambi scritti per Domenico Modugno.

Lo spettacolo oltre a presentare i brani che lo hanno reso celebre parlerà di Dino Verde come uomo. I suoi lavori sono stati sempre solidamente strutturati sull’individuo alle prese con la società, sul rapporto tra la pluralità dei suoi personaggi e le necessità dell’uomo di emergere come singolo con desideri, bisogni, necessità, speranze.

Mi piace ricordare Dino Verde come autore regista, ma anche interprete, assieme abbiamo calcato le tavole del palcoscenico e sempre con me resterà, ovunque ci sarà un sipario da sollevare”.

Lucia Cassiani


Il 26 Maggio ritorna in scena Giulia Maglione con il suo omaggio a Pino Daniele, con lo spettacolo “Mal di te”.

Un insolito racconto in note e poesie di uno dei cantautori più innovativi e originali, che ha avuto la capacità di regalare un nuovo volto alla musica partenopea, portandola ben oltre i confini della sua Napoli.

In scena con Giulia Maglione si esibiranno Andrea Panzera (chitarra), Fabio Daniele (pianoforte), Umberto De Santis (contrabbasso e Tromba), Leonardo D’Angelo (percussioni).

Si ripercorreranno, in chiave acustica e lontano dal mero concetto di cover, le tappe più significative del cammino artistico del cantautore. Una serata in cui il coinvolgimento e l’emozione uniranno inevitabilmente palco e pubblico.

Piccolo Teatro Il Salotto Di Pulcinella
via Urbana, 11 - Roma
24/25/26 maggio 
ore 20.30
tel. 06 48.23.339 - cell. 347.7327033 - 

email: info@ilsalottodipulcinella.com 
Spettacoli con degustazione menù completo:
h. 20.30 – Euro 25
Print Friendly, PDF & Email
SHARE
Previous articleRumors: i Pettegolezzi all’Ordine del Giorno
Next articleIl Re del Reggaeton, Nicky Jam in concerto a Roma
Argys Rama
Sono uno studente universitario in Comunicazione, Tecnologie e Culture Digitali, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione presso l'Università Sapienza di Roma. Quale aspirante giornalista, vivo una meravigliosa passione per la scrittura e sono incantato dalla cultura e dalla storia. Per me ammirare un'opera d'arte o conoscere le tradizioni è un modo per coltivare se stessi. Perfeziono ogni giorno l'arte del saper ascoltare e credo in ciò che vedo negli occhi delle persone. Come credo in chi agisce, in chi non si arrende e in chi vede un punto di arrivo come un prossimo punto di partenza, e le opportunità si moltiplicano mentre vengono colte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here