SHARE

Dal 23 al 24 Febbraio al Piccolo Teatro Il Salotto di PulcinellaI Pandemonium rendono omaggio ad una delle artiste più amate della Capitale e di tutta Italia: Gabriella Ferri

Lo spettacolo, torna a grande richiesta dopo il successo dello scorso dicembre e vuole essere un omaggio a questa straordinaria interprete.


I Pandemonium hanno avuto, nel 1977, un rapporto di intensa collaborazione con Gabriella Ferri, donna e artista di profonda sensibilità.

All’epoca registrarono con lei un Doppio Album, E adesso andiamo a incominciare, che dava il titolo anche ad uno spettacolo televisivo andato in onda su Rai Due. Nello stesso periodo ebbe luogo anche una lunghissima tournèe


Il gruppo I Pandemonium è nato nel 1976. I Primi anni incidevano con la RCA ITALIANA. Successivamente passarono alla CINEVOX RECORD. Nonostante abbiano inciso otto Album e dieci 45giri, hanno avuto sempre una spiccata vocazione teatrale. Non a caso sono ritenuti da sempre Un Gruppo di Teatro-Canzone.

Il modello a cui si ispiravano erano Il Mitico Quartetto Cetra. E proprio I Cetra nel 1996 li premiarono designandolo come loro eredi artistici. Nel 1978 parteciparono al Festival di Sanremo, con Rino Gaetano, con la canzone Gianna. L’anno successivo, il 1979 sconvolsero il Festival con una canzone ironica Tu fai schifo sempre. Questo brano vendette centinaia di migliaia di dischi, impazzava nelle radio private e li fece definire “Gli apripista del Demenziale” in Italia.

Nel 1981 parteciparono al Festival di Napoli, con un brano molto divertente Fatte Curà. Nel 1990 vinsero il Festival della canzone ironica di Viareggio, condotto da Daniele Piombi, con Canzone Scartata. L’ironia e la trasgressione sono sempre state la “Cifra Stilistica” dei Pandemonium. Hanno lavorato tantissimo in Teatro con Gigi Proietti, Renato Rascel, Gino Bramieri, Oreste Lionello, Pippo Franco, Vittorio Marsiglia.

In televisione hanno lavorato con tutti i più importanti conduttori televisivi, da Corrado a Raffaella Carrà, Pippo Baudo, Giancarlo Magalli, Gianni Minà, Carlo Conti, Fabrizio Frizzi, Enrica Bonaccorti, Loretta Goggi. Hanno scritto e interpretato circa 15 Varietà teatrali e Musical. Il più importante, con 10 anni di repliche, è Il Gobbo Delle Nostre Dame, parodia di “Notre dame de Paris”. Nel 2018 riproporranno in teatro questo Musical. I Pandemonium sono Gianna Carlotta, Gianni Mauro, Mariano Perrella, Patrizia Tapparelli.


Metti una sera..con Gabriella Ferri

Gabriella Ferri

La «voce di Roma» aveva un’anima genuina e fragile, la cantante più amata della Capitale, ma non solo. Parli di lei e ti viene in mente Roma. Sono tanti e famosissimi i grandi successi di Gabriella Ferri: Barcarolo romano, Sinnò me moro, Grazie alla vita. Eppure Gabriella Ferri canzoni famose le ha cantate anche in napoletano, in siciliano, animata da una passione per la musica popolare che l’ha portata a diventare celebre in Europa, in Sudamerica, in tutto il mondo. Già, popolare proprio come lei, romana di Testaccio e sempre orgogliosamente fiera delle sue origini.

La voce, le canzoni, i testi di Gabriella Ferri sono un patrimonio della cultura italiana. La riscoperta, la rivisitazione, la grande popolarità donata a brani della tradizione sono soltanto uno dei tanti meriti della “voce di Roma”, che forse bisognerebbe ribattezzare “Voce d’Italia“.


Piccolo Teatro Il Salotto Di Pulcinella
via Urbana, 11 - Roma
23 e 24 febbraio ore 20.30
tel. 06 48.23.339 - cell. 347.7327033  
email: info@ilsalottodipulcinella.com
Spettacoli con degustazione menù completo:
h. 20.30 – Euro 25
Print Friendly, PDF & Email
SHARE
Previous articleClassici del secolo futuro
Next articleGiorgio Colangeli in Finale di Partita
Argys Rama
Sono uno studente universitario in Comunicazione, Tecnologie e Culture Digitali, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione presso l'Università Sapienza di Roma. Quale aspirante giornalista, vivo una meravigliosa passione per la scrittura e sono incantato dalla cultura e dalla storia. Per me ammirare un'opera d'arte o conoscere le tradizioni è un modo per coltivare se stessi. Perfeziono ogni giorno l'arte del saper ascoltare e credo in ciò che vedo negli occhi delle persone. Come credo in chi agisce, in chi non si arrende e in chi vede un punto di arrivo come un prossimo punto di partenza, e le opportunità si moltiplicano mentre vengono colte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here